Codice etico

Codice Etico

dello “StudioME del Dott. Massimo Esposito”

Articolo 1

(Premesse e definizioni)

  • Lo Studio informa la propria attività interna ed esterna al rispetto dei principi contenuti nel presente Codice, nel convincimento che l’etica nella conduzione dell’attività professionale sia da perseguire congiuntamente al successo della professione.
  • In questo codice quando si parla di studio si intende lo STUDIOME del dott. Massimo Esposito;
  • Per codice deontologico si intende il codice deontologico dei dottori commercialisti e degli esperti contabili.

Articolo 2

(Obiettivi e Valori)

2.1. L’obiettivo primario della Studio è la creazione di valore per il titolare, per gli associati e per i collaboratori, sia interni che esterni nel rispetto delle persone, della legge e dell’ambiente. A questo scopo sono orientate le strategie professionali e finanziarie e le conseguenti condotte operative, ispirate all’efficienza nell’impiego delle risorse.

2.2. Lo studio nel perseguire tale obiettivo si attiene imprescindibilmente ai seguenti principi di comportamento:

  • quale componente attiva e responsabile delle comunità in cui opera è impegnato a rispettare e far rispettare al proprio interno e nei rapporti con il mondo esterno le leggi vigenti negli Stati in cui svolge la propria attività e i principi etici comunemente accettati e sanciti negli standard internazionali nella conduzione degli affari: trasparenza, correttezza e lealtà;
  • rifugge e stigmatizza il ricorso a comportamenti illegittimi o comunque scorretti (verso la comunità, le pubbliche autorità, i clienti, i lavoratori, gli investitori e i concorrenti) per raggiungere i propri obiettivi economici, i quali sono perseguiti esclusivamente con l’eccellenza della performance in termini di qualità e convenienza dei prodotti e dei servizi, fondate sull’esperienza, sull’attenzione al cliente e sull’innovazione;
  • pone in essere strumenti organizzativi atti a prevenire la violazione dei principi di legalità, trasparenza, correttezza e lealtà da parte dei propri dipendenti e collaboratori e vigila sulla loro osservanza e concreta implementazione;
  • s’impegna a promuovere una competizione leale, che considera funzionale al suo stesso interesse così come a quello dei clienti, dei fornitori ed in genere tutti gli operatori del mercato delle imprese, degli enti e degli altri professionisti;
  • persegue l’eccellenza e la competitività nel mercato, offrendo ai propri clienti servizi di qualità, che rispondano in maniera efficiente alle loro esigenze;
  • tutela e valorizza le risorse umane di cui si avvale adoperandosi per eliminare ed evitare la discriminazione tra uomo e donna, favorendo l’inserimento del sesso femminili in posizioni apicali dello studio medesimo;
  • Si impegna a rispettare e far rispettare le norme deontologiche dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed esperti contabili ed in generale le norme di qualsiasi ordine riconosciuto e non riconosciuto;
  • Si astiene dalla concorrenza sleale nei confronti dei colleghi e nei confronti di qualsiasi professionista. In tale ottica si impegna affinchè lo studio non si ponga mai in situazioni ambigue nei confronti di altri professionisti.

Articolo 3

(Partner)

3.1. Lo Studio s’impegna a garantire, qualora esistenti, parità di trattamento tra classi omogenee di partner, evitando comportamenti preferenziali. I reciproci vantaggi derivanti dall’appartenenza allo Studio vengono perseguiti nel rispetto delle normative applicabili e dell’interesse autonomo ciascun membro.

Articolo 4

(Clienti)

4.1. La Studio fonda l’eccellenza dei prodotti e servizi offerti sull’attenzione alla clientela e sulla disponibilità a soddisfarne le richieste. L’obiettivo perseguito è quello di garantire una risposta immediata, qualificata e competente e professionale alle esigenze dei clienti, informando i propri comportamenti a correttezza, cortesia e collaborazione.

Articolo 5

(Comunità)

5.1. Lo Studio intende contribuire al benessere economico e alla crescita delle comunità nella quale si trova a operare attraverso l’erogazione di servizi efficienti utilizzando mezzi tecnologicamente avanzati e rispettosi dell’ambiente.

5.2. Lo Studio mantiene con le pubbliche Autorità locali, nazionali e sovranazionali relazioni ispirate alla piena e fattiva collaborazione ed alla trasparenza, nel rispetto delle reciproche autonomie, degli obiettivi economici e dei valori contenuti in questo Codice.

5.3. Lo Studio considera con favore e, se del caso, fornisce sostegno a iniziative sociali, culturali ed educative orientate alla promozione della persona ed al miglioramento delle sue condizioni di vita.

5.4. La Studio non eroga contributi, vantaggi o altre utilità ai partiti politici ed alle organizzazioni sindacali dei lavoratori, né a loro rappresentanti o candidati, fermo il rispetto della normativa applicabile.

Articolo 6

(Risorse Umane)

6.1. Lo Studio riconosce la centralità delle risorse umane nella convinzione che il principale fattore di successo di ogni impresa sia costituito dal contributo professionale delle persone che vi operano, in un quadro di lealtà e fiducia reciproca.

6.2. Lo Studio tutela la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro e ritiene fondamentale, nell’espletamento dell’attività economica, il rispetto dei diritti dei lavoratori. La gestione dei rapporti di lavoro è orientata a garantire pari opportunità e a favorire la crescita professionale di ciascuno.

Articolo 7

(Ambiente)

7.1. La Studio crede in una crescita globale sostenibile nel comune interesse di tutti i partners, attuali e futuri. Le scelte d’investimento e di business sono pertanto informate al rispetto dell’ambiente e della salute pubblica.

7.2. Fermo il rispetto della specifica normativa applicabile, lo Studio tiene conto delle problematiche ambientali nella definizione delle proprie scelte, anche mediante l’adozione di particolari tecnologie e metodi di produzione che consentano di ridurre, anche oltre i limiti di norma, l’impatto ambientale delle proprie attività.

Articolo 8

(Informazione)

8.1. Lo Studio è consapevole dell’importanza che un’informazione corretta sulle proprie attività riveste importanza fondamentale per i soggetti terzi.

8.2. Ferme restando le esigenze di riservatezza richieste dalla conduzione del business, lo Studio assume pertanto la trasparenza come proprio obiettivo nei rapporti con tutti gli stakeholders. In particolare, lo Studio comunica con i terzi nel rispetto dei criteri di correttezza, chiarezza e parità di accesso all’informazione.

Articolo 9

(Rispetto del codice)

9.1. Al rispetto del presente Codice sono tenuti tutti i soggetti dello Studio, i partner, i dipendenti e collaboratori, nonché tutti i collaboratori esterni, quali consulenti, agenti, fornitori, ecc.

9.2. Lo Studio si impegna all’implementazione di apposite procedure, regolamenti o istruzioni volte ad assicurare che i valori qui affermati siano rispecchiati nei comportamenti concreti di ciascuna di esse e di tutti i rispettivi dipendenti e collaboratori, prevedendo - ove del caso - appositi sistemi sanzionatori delle eventuali violazioni.

Art. 10

(Riconoscimento dell’ordine e delle norme deontologiche)

10.1. Lo studio riconosce il ruolo dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, ruolo di indirizzo e di richiamo comportamentale.

10.2. Lo Studio nell’espletamento della sua attività si attiene e fa attenere anche i suoi collaboratori e dipendenti alle norme deontologiche emanate dall’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili.

Art. 11

(Sanzioni)

11.1. Tutti i collaboratori interni e dipendenti enunciati nel presente codice sono tenuti al suo rispetto. Chiunque di loro contravviene ad una norma del presente codice sarà, per la prima volta, richiamato formalmente per scritto. Alla seconda infrazione al presente codice sarà sospeso per un numero minimo di 3 giorni ad un massimo di una settimana senza ricevere, per il corrispondente periodo, il corrispettivo dovuto per la propria attività. Al terzo richiamo per un infrazione sarà definitivamente allontanato dallo studio con lettera formale di licenziamento o risoluzione del rapporto contrattuale.

11.2. Tutti coloro, di cui al precedente comma, saranno destinatari di un richiamo formale, avranno tempo tre giorni per le loro repliche per scritto. Trascorso tale periodo senza che niente sia replicato le infrazioni contestate saranno definitive e non più contestabili.

11.2. Tutti i collaboratori esterni, fornitori e clienti sono tenuti al rispetto delle norme del presente codice. Il non rispetto del codice sarà causa di lecito recesso da parte dello studio. Nei contratti con i collaboratori esterni, fornitori e clienti dovrà essere inserita la “clausola” di rispetto ed accettazione del presente codice.